sabato 28 febbraio 2015

Recensione - Samsung galaxy S5 e Android Lollipop 5

Dopo aver utilizzato il mio Galaxy S5 con Android Lollipop 5.0 per una settimana sono giunto alle seguenti conclusioni.

Il telefono è diventato molto lento, è poco reattivo e a volte è molto snervante nell'utilizzo quotidiano. C'è stato un netto peggioramento delle performance rispetto alla versione precedente (Android Kitkat 4.4.2). Non sono mai stato un maniaco delle prestazioni dei processori ma l'utilizzo di questo telefono è molto deludente. Mi sarei aspettato qualcosa in più dopo il recente aggiornamento, o meglio, non mi sarei proprio aspettato un peggioramento!
Proprio ieri ho deciso di collaudare un altro Samsung Galaxy S5 uguale al mio e appena formattato con Android 5. Il risultato? Medesimo al mio: il telefono è poco reattivo!
Per capire meglio la problematica vi faccio un esempio: mentre sto telefonado allontano il telefono dall'occhio per inserire la funzione  vivavoce, ma prima che il telefono ridiventa attivo ed esce dallo schermo nero passano circa 2-3 secondi!
Altro esempio: quando arriva una notifica e gli clicco sopra per poterla leggere passano almeno 2-3 secondi prima che la notifica vanga aperta!
Ulteriore esempio: quando clicco sul tasto menù per vedere quali App sono attive in background devo aspettare almeno 2-3 secondi affinché il mio telefono mi mostra l'elenco delle App!
Per non parlare del processo Rubrica che molto spesso va in crash!
Infine, quando mi trovo nella schermata di blocco e voglio accedere alla fotocamera devo attendere circa 3 secondi.
Per un telefono da 600 euro mi sembra una cosa inconcepibile. Ho provato ad eseguire le stesse azioni con un LG Google Nexus 5 e vi garantisco che non ho riscontrato alcun problema di lentezza! Considerando che l'LG Nexus 5 ha caratteristiche inferiori rispetto all'S5 ho riscontrato che funziona molto meglio con Android Lollipop.
Preciso che il mio Samsung Galaxy S5 con Android Kitkat funzionava molto bene.

Concludo dicendo che sono rimasto molto deluso dal cunnubio Samsung Galaxy S5 e Android Lollipop!

domenica 28 settembre 2014

Problema Joomla con Hosting Aruba : No Input file specified

Durante un intervento ad un sito web localizzato sui server di Aruba, mi sono imbattuto in un problema prima d' ora mai riscontrato.Una volta finite le modifiche, mi accorgo che le impostazioni seo del sito, realizzato con il CMS Joomla, sono disattivate. Le attivo e il sito  non funziona più dando errore 404 o " No input file specified ".Mando vari ticket di assistenza ad Aruba ma ricevo solo risposte ambigue o addirittura la richiesta di fornir loro le credenziali di accesso del pannello di amministrazione Joomla. Effettuo svariate ricerche sul web per documentarmi sul problema e arrivo alla conclusione che il disagio è comune a tutti i siti web legati ai server di Aruba.
Ecco come sistemare tutto :
Aprire il file .htaccess presente nella root principale di joomla.
  • Cercare la riga contentente la scritta "Options +FollowSymLinks" e modificarla in questo modo : " #Options +FollowSymLinks " ( si aggiunge il cancelletto all'inizio della riga).
La maggior parte dei problemi si risolvono eseguendo questa operazione, se per caso non bastasse, come è capitato a me, dopo aver già effettuato l'operazione precedente, bisogna muoversi in questo modo:
  • Accedere al pannello di controllo Aruba
  • Entrare nel pannello gestione Hosting Linux
  • Si aprirà un pannello con diverse sezioni, cliccare sulla voce " Personalizzazione del file PHP.INI "
  • Cercare e spuntare la voce " cgi.fix_pathinfo " e cliccare su OK.
  • Il problema dovrebbe risolversi.

mercoledì 19 febbraio 2014

SQL: Come trovare i record duplicati in una tabella

SELECT tab.campo_da_esaminare FROM tabella AS tab INNER JOIN (SELECT campo_da_esaminare FROM tabella GROUP BY campo_da_esaminare HAVING COUNT(campo_da_esaminare)>1) AS dup ON dup.campo_da_esaminare = tab.campo_da_esaminare;

venerdì 13 dicembre 2013

How to Redirect the default website in IIS 7

Use IIS Manager to simplify the Outlook Web App URL when SSL is required
You need to be assigned permissions before you can perform this procedure. To see what permissions you need, see the “IIS Manager” entry in the Client Access Permissions topic.
You need to install HTTP Redirect from Programs and Features -> Install Windows 2012 Server features --> IIS features --> HTTP Redirect.
After that,
  1. Start IIS Manager.
  2. Expand the local computer, expand Sites, and then click Default Web Site.
  3. At the bottom of the Default Web Site Home pane, click Features View if this option is not already selected.
  4. In the IIS section, double-click HTTP Redirect.
  5. Select the Redirect requests to this destination check box.
  6. Type the absolute path of the /owa virtual directory. For example, type https://mail.contoso.com/owa.
  7. Under Redirect Behavior, select the Only redirect requests to content in this directory (not subdirectories) check box.
  8. In the Status code list, click Found (302).
  9. In the Actions pane, click Apply.
  10. For the new settings to take effect, open a Command Prompt window, and then typeiisreset /noforce to restart IIS.

mercoledì 9 ottobre 2013

Windows: come cambiare IP tramite script

Ogni volta che dobbiamo cambiare indirizzo IP del proprio PC con Windows è davvero scocciante aprire le configurazioni della connessione di rete e impostare ogni volta tutti i parametri! Per semplificarci le vita creiamo 2 file eseguibili e con un click cambiamo le impostazioni di rete.

Supponiamo di voler configurare la scheda di rete per due scenari: rete domestica con indirizzo statico e rete aziendale gestita da un server DHCP.

Prima di iniziare, fate attenzione al nome che Windows assegna alla scheda di rete (visibile in 'Proprietà della rete') che usualmente è "Connessione alla rete locale". Io ho rinominato tale connessione in "Connessione alla rete locale (LAN)".




Creiamo un file chiamato IPCasa.bat

Con questo semplice script impostiamo IP, SubnetMask, Gateway, metrica e DNS server in modo statico:
@Echo On
Rem Configurazione della rete per uso domestico:
netsh interface ip set address "Connessione alla rete locale (LAN)" static 192.168.1.2 255.255.255.0 192.168.1.1 1
netsh interface ip add dns "Connessione alla rete locale (LAN)" 208.67.222.222
netsh interface ip add dns "Connessione alla rete locale (LAN)" 208.67.220.220

Benchè sia molto semplice lo script, esplicito il significato delle righe:
netsh interface ip set address "LAN" static 192.168.0.15 255.255.255.0 192.168.0.1 1
Nome connessione Configurazione statica Indirizzo IP SubNetMask Gateway predefinito Metrica
netsh interface ip add dns "Connessione alla rete locale (LAN)" 208.67.222.222
netsh interface ip add dns "Connessione alla rete locale (LAN)" 208.67.220.220
Aggiunta di un primo DNS ed aggiunta di un secondo DNS [gli indirizzi di DNS si riferiscono a quelli di OpenDNS.com]

Ora, invece, creiamo un file chiamato IPLavoro.bat

Adesso impostiamo IP, SubnetMask, Gateway, metrica e DNS server in modo dinamico in virtù della presenza di un server DHCP
@Echo On
Rem Configurazione della rete per ambito lavorativo:
netsh interface ip set address "LAN" dhcp
netsh interface ip set dns "LAN" dhcp
In questo caso il significato delle 2 (!!) righe di configurazione è elementare, in quanto definiamo che tutti i parametri della configurazione devono essere rilasciati da un DHCP.